Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

L’inammissibilità dell’istanza di modifica del piano del consumatore in sede di reclamo al collegio

11 Giugno 2019 | di Pasqualina Farina

Tribunale di Catanzaro

Sovraindebitamento: piano del consumatore

La cd. meritevolezza richiesta dal legislatore per l’omologa del piano del consumatore presuppone un attento esame comparativo tra le obbligazioni assunte ed il reddito percepito unitamente alla consistenza patrimoniale, nonché un attento vaglio di tutte quelle cause imprevedibili e non imputabili al consumatore.

Leggi dopo

La scissione societaria depauperativa

05 Giugno 2019 | di Ciro Santoriello

Cass. Pen.

Reati fallimentari

Integra il reato di bancarotta fraudolenta per distrazione la scissione di società, successivamente dichiarata fallita, mediante conferimento dei beni costituenti l'attivo alla società beneficiaria, qualora tale operazione, sulla base di una valutazione in concreto che tenga conto della effettiva situazione debitoria in cui operava l'impresa al momento della scissione, si riveli volutamente depauperativa del patrimonio aziendale e pregiudizievole per i creditori nella prospettiva della procedura concorsuale.

Leggi dopo

L’inefficacia delle ipoteche giudiziali ex art. 168, comma 3, l. fall. e la consecuzione delle procedure

31 Maggio 2019 | di Tommaso Iannaccone

Cass. Civ.

Consecuzione di procedure

La Cassazione precisa che, in caso di successione tra concordato preventivo e fallimento, l’inefficacia delle ipoteche giudiziali prevista dal terzo comma dell’art. 168 l. fall. si estende, in forza del principio della consecuzione delle procedure, anche ai creditori successivi, ma anteriori alla sentenza dichiarativa di fallimento.

Leggi dopo

La certezza della data di una fattura nei riguardi del curatore fallimentare

28 Maggio 2019 | di Sergio Sisia

Cass. Civ.

Curatore fallimentare: ruolo e funzioni

Poiché l'art. 2704 c.c. fa discendere la certezza della data della scrittura privata non autenticata rispetto ai terzi, oltre che dalla registrazione ovvero dagli eventi specificamente considerati dalla norma, dal verificarsi un altro fatto che stabilisca in modo egualmente certo l'anteriorità della formazione del documento, la certezza della data di una fattura, nei riguardi del curatore fallimentare, non può essere desunta dai documenti di trasporto alla medesima relativi, ove essi, a propria volta, non abbiano data certa e siano come tali opponibili al fallimento.

Leggi dopo

La cartella di pagamento nel concordato preventivo

24 Maggio 2019 | di Lorenzo Gambi

CTP Milano

Concordato preventivo: disciplina generale

L’agente della riscossione, qualora il contribuente sia ammesso alla procedura di concordato preventivo, compie sulla base del ruolo l’attività necessaria all'inserimento dell’obbligazione fiscale nell'elenco dei crediti della procedura, ai fini dell’esercizio del diritto di voto. La notifica della cartella di pagamento al contribuente in concordato preventivo rappresenta un’azione non necessaria, considerato il divieto delle azioni individuali, anche esattoriali.

Leggi dopo

È ammissibile la procedura di liquidazione anche quando il debitore sia privo di beni

21 Maggio 2019 | di Niccolò Nisivoccia

Tribunale di Verona

Sovraindebitamento: Liquidazione del patrimonio

La procedura di liquidazione del patrimonio prevista dalla legge sul sovraindebitamento è ammissibile anche quando nel patrimonio del debitore non siano presenti beni, mobili o immobili, oppure i beni presenti siano privi di valore economico, e l’attivo sia costituito esclusivamente da crediti futuri.

Leggi dopo

Ammissibili lo scioglimento e/o la sospensione delle linee di credito autoliquidanti

17 Maggio 2019 | di Fabio Cesare

Tribunale di Perugia

Contratti bancari

È ammissibile la sospensione dei contratti bancari c.d. autoliquidanti ex art. 169-bis l.fall. nella fase del concordato in bianco, laddove il credito anticipato non sia stato ceduto, se l’istituto esercita il mandato all’incasso e riceve il pagamento successivamente all'apertura del concorso.

Leggi dopo

La revoca del fallimento determina ipso iure l’interruzione del giudizio per venir meno della capacità processuale del curatore

14 Maggio 2019 | di Rosaria Giordano

Cass. Civ.

Revoca della dichiarazione di fallimento

L'art. 43, comma 3, l.fall., secondo cui l'apertura del fallimento determina automaticamente l'interruzione del processo, si applica anche ai casi di interruzione del processo conseguenti all'evento interruttivo costituito, per il venir meno della capacità processuale del curatore, dalla revoca del fallimento, stante l'"eadem ratio" che accomuna le due ipotesi, sussistendo anche in caso di revoca del fallimento...

Leggi dopo

Fallibilità in estensione del soggetto che agisce in nome e per conto dell’associazione non riconosciuta

10 Maggio 2019 | di Andrea Olivieri

Fallimento in estensione

L’estensione del fallimento al soggetto corresponsabile ex art. 38 c.c. trova il suo fondamento nell’art. 147 l.fall., che prevede appunto l’estensione ai soci del fallimento della società con soci illimitatamente responsabili. Una volta stabilito che vi è una responsabilità illimitata concorrente con la responsabilità dell’impresa collettiva in forza dell’art. 38 c.c., seconda parte, è tale illimitata responsabilità a rendere applicabile la previsione dell’art. 147 l.fall. che presuppone e non fonda la responsabilità illimitata del soggetto cui il fallimento deve estendersi.

Leggi dopo

Concordato in continuità mediante affitto di azienda: le notevoli implicazioni della pronuncia della Cassazione

07 Maggio 2019 | di Luigi Amerigo Bottai

Cass. Civ.

Concordato con continuità aziendale

Il concordato con continuità aziendale disciplinato dall'art. 186-bis I.fall. è configurabile anche quando l'azienda sia già stata affittata o sia destinata ad esserlo, rivelandosi affatto indifferente la circostanza che, al momento dell'ammissione alla suddetta procedura concorsuale o del deposito della relativa domanda, l'azienda sia esercitata dal debitore o, come nell'ipotesi dell'affitto della stessa, da un terzo, in quanto il contratto d'affitto - recante, o meno, l'obbligo dell'affittuario di procedere, poi, all'acquisto dell'azienda - può costituire...

Leggi dopo

Pagine