Focus

Focus

Sovraindebitamento: le novità della riforma

07 Dicembre 2017 | di Alessandro Farolfi

Sovraindebitamento

Molteplici appaiono le novità in tema di sovraindebitamento contenute nella legge di riforma delle procedure concorsuali appena approvata. Tali novità vengono in questa sede sinteticamente affrontate, a prima lettura, coordinandole con le interpretazioni giurisprudenziali attualmente diffuse, mettendone in luce gli elementi di contrasto e prefigurando l’impatto delle nuove norme, con particolare riferimento ad alcuni principi potenzialmente dirompenti...

Leggi dopo

Sanzioni e benefici premiali connessi con l’auspicato ricorso ai meccanismi di allerta

05 Dicembre 2017 | di Paolo Bosticco

Insolvenza

Dal testo della Legge delega per la riforma organica delle procedure concorsuali emerge il chiaro intento del legislatore di addivenire alla Riforma anzitutto dell’approccio alla procedura concorsuale, che si sviluppa in un favor per gli istituti di anticipazione della crisi; al fine di rendere più concreta tale vocazione, sono stati previsti, da un lato, incentivi ed esenzioni da responsabilità per gli organi sociali che abbiano favorito l’emersione della crisi dell’impresa e, di contro, sanzioni a carico anche di soggetti terzi “qualificati”, di natura pubblica, che con la propria inerzia abbiano consentito all’imprenditore di proseguire l’attività in situazione di dissesto; occorrerà verificare il testo normativo scaturito dalla delega per verificare come il legislatore riuscirà a dare concretezza a tali propositi.

Leggi dopo

Il nuovo volto dell'accordo di ristrutturazione e del piano attestato di risanamento

01 Dicembre 2017 | di Luca Jeantet, Gabriella Covino, Paola Vallino

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

L’art. 5 della Legge delega incentiva il ricorso agli accordi di ristrutturazione ed alle convenzioni di moratoria, con nuova definizione dei tratti essenziali dei piani attestati di risanamento, stabilendo: con riferimento agli accordi di ristrutturazione dei debiti non liquidatori ed alle convenzioni di moratoria, l’estensione della disciplina dell’art. 182-septies l. fall. alla minoranza dei creditori, anche diversi da banche o intermediari finanziari, che non abbiano aderito all'accordo di ristrutturazione o alla convenzione di moratoria purché...

Leggi dopo

La revisione del sistema dei privilegi nella legge delega

29 Novembre 2017 | di Luigi Amerigo Bottai

Crediti privilegiati

Rem tene, verba sequentur, insegnava Catone, e la Commissione Rordorf ha recepito il brocardo scolpendo un principio direttivo di delega rilevante per riformare dal fondo la disciplina delle crisi d’impresa, che impone il riordino del sistema dei privilegi, definito dapprima nel codice civile e poi cresciuto selvaggiamente in numerose leggi settoriali, in dipendenza del dominante corporativismo e dell’influenza dei più disparati gruppi di pressione.

Leggi dopo

Il sovraindebitamento immobiliare in Spagna

24 Novembre 2017 | di Marìa Isabel Álvarez Vega

Sovraindebitamento

L'Autrice prosegue, in questa seconda parte del suo lavoro, con lo studio del fenomeno del sovraindebitamento immobiliare in Spagna.

Leggi dopo

Le procedure di allerta perno della nuova disciplina dell’insolvenza

21 Novembre 2017 | di Diego Corrado

Insolvenza

Novità assoluta per il nostro ordinamento, ma già presenti in altri paesi e soprattutto previste da recenti interventi in materia del legislatore comunitario, le procedure di allerta arricchiscono il menu di opzioni volto a favorire l’emersione precoce della crisi, in linea con quella corrente teorica, ampiamente condivisa, che correla tempestività di intervento e probabilità di successo dei tentativi di salvataggio dell’impresa in crisi.

Leggi dopo

La prededucibilità dei crediti dei professionisti nella legge delega

17 Novembre 2017 | di Daniele Fico

Concordato preventivo: disciplina generale

Nell’esercizio della delega per il riordino della procedura di concordato preventivo, il legislatore, al fine del contenimento delle spese in prededuzione, tra i principi ed i criteri direttivi cui il Governo è invitato ad attenersi è intervenuto in una duplice direzione: previsione dell’entità massima dei compensi spettanti ai professionisti incaricati dal debitore e perdita del beneficio della prededuzione in caso di mancata apertura della procedura concordataria.

Leggi dopo

I criteri della legge delega in tema di azioni di inefficacia e revocatoria

15 Novembre 2017 | di Edoardo Staunovo Polacco

Azione revocatoria fallimentare

La delega al governo per la riforma delle discipline della crisi d’impresa e dell’insolvenza contiene una sola previsione in tema di azioni di inefficacia e revocatoria, ossia l’art. 7, comma 4, lett. b), dedicato alla liquidazione giudiziale (che dovrebbe prendere il posto del fallimento), nel quale si stabilisce che la procedura è potenziata mediante l’adozione di misure dirette a “far decorrere il periodo sospetto per le azioni di inefficacia e revocatoria, a ritroso, dal deposito della domanda cui sia seguita l’apertura della liquidazione giudiziale, fermo restando il disposto dell’articolo 69-bis, secondo comma, del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267”.

Leggi dopo

Il sovraindebitamento immobiliare in Spagna

10 Novembre 2017 | di Marìa Isabel Álvarez Vega

Sovraindebitamento

Acquistare una casa, un’automobile, un viaggio, sono attività proprie di un modello sociale definito “Societá del Consumo”. Il consumismo in Spagna ha ridotto la capacità finanziaria del consumatore obbligandolo a ricorrere al credito ed occasionando una diffusa situazione di indebitamento e insolvenza delle famiglie: il fenomeno del “sobrendeudamiento familiar” non solo ha rilevanza giuridica, ma conseguenze reali sui cittadini e sulla società spagnola.

Leggi dopo

Aspetti qualificanti del “riordino” della disciplina relativa al concordato preventivo

07 Novembre 2017 | di Simone Marzo

Concordato preventivo: disciplina generale

Nell’ambito della legge delega per la riforma della disciplina delle crisi d’impresa (L. 19 ottobre 2017, n. 155) pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 ottobre, assumono notevole rilevanza i principi ed i criteri direttivi dettati per il riordino della normativa in materia di concordato preventivo. I temi in merito ai quali il Governo è stato delegato ad intervenire sono numerosi, al punto da interessare sostanzialmente l’intero svolgimento della procedura.

Leggi dopo

Pagine