Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Non operatività della compensazione tra crediti ante e post fallimento

20 Ottobre 2017 | di La Redazione

CTR Lombardia

Compensazione

Dal tenore letterale dell’art. 56 l.fall. è pacifico il principio di diritto che pone un limite generale all’operatività della compensazione in sede di fallimento, secondo cui i crediti, anche se non scaduti, devono essere preesistenti all'apertura del fallimento o, quantomeno, devono discendere da un titolo anteriore.

Leggi dopo

Piano del consumatore e mancanza dei requisiti ex art. 12-bis

13 Ottobre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Novara

Sovraindebitamento: piano del consumatore

La proposta di un piano del consumatore “di gruppo” o “relativo al nucleo familiare” non può trovare accoglimento in mancanza di idonea divisione delle masse patrimoniali attive e passive. L’ assenza di una previsione normativa implica la necessaria distinzione dei piani relativi a ciascun consumatore determinandosi, diversamente, una violazione dell’art. 2740 c.c.

Leggi dopo

Il concorso tra crediti prededucibili e crediti ipotecari

11 Ottobre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Massa

Concorso dei creditori

Ai sensi dell’art. 111 e dell’art. 111-bis i creditori prededucibili devono essere soddisfatti in via prioritaria rispetto a tutti gli altri creditori con il ricavato della liquidazione del patrimonio mobiliare e immobiliare non gravato da garanzie reali , nel rispetto del criterio proporzionale, mentre il ricavato della vendita dei beni muniti di garanzia reale è destinato ai creditori garantiti ed è acquisito alla massa fallimentare soltanto de residuo.

Leggi dopo

Omesso versamento di crediti tributari in pendenza di concordato

06 Ottobre 2017 | di La Redazione

CTP Modena

Concordato preventivo: disciplina generale

In tema di sanzioni pecuniarie per violazioni tributarie, ove il debitore si trovi in concordato preventivo e ove il termine per il pagamento delle somme dovute sia già scaduto alla data di presentazione della domanda, la sanzione maturata...

Leggi dopo

Azioni esecutive e tutela dei crediti post omologa del concordato

02 Ottobre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Bari

Divieto di azioni esecutive e cautelari

In tema di azioni esecutive, l’effetto protettivo di cui gode l’impresa in concordato preventivo ai sensi dell’art. 168 l.fall., si riferisce ai soli creditori anteconcordatari e non può quindi comprendere...

Leggi dopo

Abbandono ex art. 104-ter, comma 8, l.fall. e cancellazione della trascrizione della sentenza di fallimento

28 Settembre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Catania

Programma di liquidazione

Nell’ipotesi di decisione di abbandonare quote di immobili già acquisite alla massa, l’art. 104-ter comma 8, l.fall., a differenza dell’art. 88 l.fall., non pone un obbligo di comunicazione agli uffici che curano i registri dei beni immobili o mobili registrati della decisione degli organi fallimentari di procedere alla derelizione di tale tipologia di beni.

Leggi dopo

Modifica ed impugnazione del decreto di revoca del concordato preventivo

25 Settembre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Rovigo

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

Disposta prima l’ammissione di una società al concordato preventivo e, successivamente, la revoca di quest’ultimo ex art. 173 l.fall. con contestuale emissione della sentenza di fallimento, qualora sia dichiarata dalla S. Corte la nullità esclusivamente di tale sentenza il Tribunale...

Leggi dopo

Vendite competitive nella fase prenotativa di un concordato e principio di procedura ristretta

18 Settembre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Vendite competitive

L’applicazione della disciplina di cui all’art. 163-bis l.fall. – contenente il principio di portata generale secondo cui gli atti dismissivi del patrimonio dell’azienda che ricorre al concordato preventivo debbano necessariamente essere effettuati mediante il preventivo espletamento di procedure competitive - anche agli atti di autorizzazione ex art. 161, comma 7, l.fall., è prevista “in quanto compatibile”, pertanto, il generale principio delle cessioni competitive può, in specifiche e peculiari ipotesi, essere evitato qualora vi sia la precipua esigenza di evitare che il ritardo derivante dall’espletamento della procedura competitiva porti a risultati contrari all’interesse dei creditori.

Leggi dopo

La risoluzione del concordato per grave inadempimento

15 Settembre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Venezia

Risoluzione e annullamento del concordato

La previsione di un mancato soddisfacimento dei creditori chirografari, unitamente ad un soddisfacimento solo parziale di quelli privilegiati, comporta il venir meno della causa in concreto del concordato preventivo e giustifica, quindi, una sua risoluzione per grave inadempimento.

Leggi dopo

Dichiarazione di fallimento e legittimazione del socio postergato

11 Settembre 2017 | di La Redazione

Tribunale di Rovigo

Postergazione

Il socio postergato è legittimato ad agire per la dichiarazione di fallimento della società, posto che, da un lato, agisce come terzo, e, dall’altro, vanta un credito che, sebbene postergato, gli conferisce comunque un diritto patrimoniale legittimante l’esercizio dell’azione de qua.

Leggi dopo

Pagine