Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

I limiti in cui può dirsi "sdoganata" l'insolvenza prospettica

10 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Insolvenza

In base all'attuale legge fallimentare l’insolvenza che giustifica una declaratoria di fallimento deve essere attuale, e non semplicemente “prospettica”. È solo “prospettica” l’insolvenza che ancora non si sia verificata, ma di cui sia possibile prevedere l’insorgenza futura in un determinato arco temporale. Pertanto quando una società non abbia alcuna esposizione tributaria o previdenziale, funzioni regolarmente, non sia oggetto di iniziative esecutive o monitorie, appaia in grado di fornire i servizi propri della sua attività, né sia prevedibile che subentri a breve l’impossibilità di pagare i suoi debiti, non può essere dichiarata fallita.

Leggi dopo

L'azione sociale di responsabilità nel concordato con cessione dei beni

04 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Firenze

Concordato con cessione dei beni

Il decreto che omologa la proposta di concordato preventivo non può modificare il contenuto del piano; ne consegue che non si possono ritenere ceduti crediti non menzionati nel piano concordatario omologato.

Leggi dopo

La sospensione dei contratti bancari nel concordato

09 Luglio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Bologna

Concordato preventivo: disciplina generale

Rientrano nel novero dei contratti pendenti ex art. 169-bis l.fall., i contratti bancari qualificati dalla dottrina quali contratti innominati misti e caratterizzati dall'anticipazione di denaro e dall'obbligo della banca di incassare i crediti presso terzi, per poi eventualmente consentire la compensazione di partite contrapposte, in quanto, in tali rapporti...

Leggi dopo

Fallimento e trasferimento del bene con pubblico incanto: imposta di registro riferita al prezzo di aggiudicazione

02 Luglio 2019 | di La Redazione

CTR Lombardia, Milano

Vendita con incanto

In tema di imposta di registro, nel caso di trasferimento di un bene da parte di società in fallimento, avvenuto con le forme proprie di una vendita privata ma caratterizzato da un procedimento che ha portato alla determinazione del prezzo attraverso il pubblico incanto, non è consentita la rettifica...

Leggi dopo

La modificabilità del piano di riparto da parte del curatore

14 Giugno 2019 | di La Redazione

Tribunale di Teramo

Curatore fallimentare: ruolo e funzioni

Il curatore, essendosi avveduto di un errore nella redazione del piano di riparto, in riferimento al quale non sono ancora spirati i termini per proporre reclamo, può apportare modifiche o redigere un piano di riparto in sostituzione, comunicato il quale iniziano a decorrere nuovamente i termini per proporre reclamo.

Leggi dopo

Accesso del socio illimitatamente responsabile alla procedura di sovraindebitamento

12 Giugno 2019 | di La Redazione

Tribunale di Rimini

Sovraindebitamento

È ammissibile l’accesso del socio illimitatamente responsabile alla procedura di sovraindebitamento ex L. n. 3/2012 anche per debiti personali ogni qualvolta un'analoga procedura sia avviata dagli altri soci della compagine sociale e la società promuova un accordo di ristrutturazione ex art. 182-bis l.fall. per la definizione dei debiti sociali, essendo tutte le procedure...

Leggi dopo

La sospensione dell’esecuzione dei contratti bancari nel concordato preventivo

03 Giugno 2019 | di La Redazione

Tribunale di Bologna

Contratti bancari

L’art. 169 l.fall. è idoneo a paralizzare l’esecuzione non solo del rapporto di credito bancario ma anche di tutti gli atti accessori quali il mandato in re propriam ed il patto di compensazione, sia per rispettare la par condicio creditorum sia per assicurare maggiori disponibilità nel piano concordatario.

Leggi dopo

L’assoggettabilità al fallimento della holding personale

27 Maggio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Forlì

Impresa agricola

L’attività di coltivatore diretto dell’holder persona fisica e l’essere socio di società agricole e svolgenti attività agricola osta alla sua dichiarazione di fallimento.

Leggi dopo

La perdita di continuità aziendale rileva ai fini della denuncia al Tribunale

22 Maggio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Venezia

Società di capitali

L’omessa rilevazione della perdita di continuità aziendale, da parte degli organi sociali, in quanto possibile causa del verificarsi di danni che il prosieguo dell’attività aziendale ha consentito, può integrare una violazione grave e produttiva di danno, valorizzabile ai sensi dell’art. 2409 c.c.

Leggi dopo

L’inadempimento concordatario nel concordato con continuità

15 Maggio 2019 | di La Redazione

Tribunale di Modena

Concordato con continuità aziendale

L’inadempienza concordataria realizza, per la parte del credito non ristrutturata, un’inadempienza scrutinabile a norma e per gli effetti gli art. 6, 7 e 15 l. fall., in quanto il suo regime non può ritenersi per intero assorbito nel piano individuale delle tutele previsto dall'art. 186 l. fall. soprattutto nel concordato in continuità.

Leggi dopo

Pagine