Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Inammissibile il piano concordatario con assunzione in mancanza di partecipazione alla gara da parte dell’assuntore

10 Agosto 2018 | di La Redazione

Tribunale di Torino

Concordato preventivo: attestazione del piano

In caso di concordato con assunzione il quale preveda la cessione totalitaria degli assets dietro pagamento di un prezzo, deve trovare applicazione la disciplina delle offerte concorrenti di cui all’art. 163 bis della Legge Fallimentare.

Leggi dopo

Compensazione: ammessa se il fatto genetico dell’obbligazione è anteriore alla dichiarazione di fallimento

01 Agosto 2018 | di La Redazione

CTP Varese

Dichiarazione di fallimento

In tema di compensazione, nel caso in cui alla domanda della curatela di un fallimento per la riscossione di un credito sia contrapposta domanda riconvenzionale riguardante un controcredito, il giudice di merito, accertati gli stessi, è tenuto a dichiarare la compensazione, ove richiesta, dei reciproci debiti e fino alla loro concorrenza.

Leggi dopo

In fase preconcordataria è ammissibile il procedimento competitivo ex art. 163-bis l.fall.

26 Luglio 2018 | di La Redazione

Tribunale di Alessandria

Cessione di ramo d'azienda

In pendenza del termine di cui all’art. 161, comma VI, l.fall. (fase preconcordataria), il Tribunale può porre in essere, con urgenza, le procedure competitive per la cessione, in unico contesto, dei rami di azienda, ex art. 163-bis l.fall.

Leggi dopo

L’istanza di fallimento senza la risoluzione del concordato preventivo

19 Luglio 2018 | di La Redazione

Tribunale di Arezzo

Risoluzione e annullamento del concordato

Il creditore insoddisfatto può presentare istanza di fallimento a prescindere dalla risoluzione del concordato preventivo qualora intenda far valere il credito insoddisfatto nella misura falcidiata dalla proposta.

Leggi dopo

Sovraindebitamento: ricorso congiunto per i componenti della famiglia

13 Luglio 2018 | di La Redazione

Tribunale di Mantova

Sovraindebitamento

La L. n. 3/ 2012 nasce per dar rimedio al quadro reale delle famiglie sovraindebitate e la mancata espressa previsione non ostacola un’interpretazione estensiva del concetto di “debitore” di cui all’art. 6 financo a comprendere i componenti della “famiglia” che versi nella situazione rappresentata dalla norma.

Leggi dopo

L'oscuramento di documenti nell'accordo di ristrutturazione

10 Luglio 2018 | di La Redazione

Tribunale di Parma

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

In tema di accordo di ristrutturazione dei debiti è possibile disporre l’oscuramento di documenti ad esso allegati qualora il loro indiscriminato protratto libero accesso, mediante consultazione del registro camerale, rischierebbe di condizionare l’attività liquidatoria, pregiudicando...

Leggi dopo

La compensazione del credito del fallito ceduto a terzi

05 Luglio 2018 | di La Redazione

CTR Liguria

Compensazione

In tema di compensazione dei debiti, qualora venga richiesto un rimborso del credito d'imposta dal curatore fallimentare (dopo il fallimento) ma maturato prima della dichiarazione di fallimento, viene ritenuta legittima la compensazione – attuata dall'Amministrazione finanziaria – delle somme con debiti di imposta sorti prima della dichiarazione di fallimento in capo all’imprenditore.

Leggi dopo

Concordato preventivo: lo scioglimento del contratto pendente senza contraddittorio

02 Luglio 2018 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Rapporti giuridici preesistenti nel concordato

Nell’ambito di una procedura concordataria, è possibile procedere allo scioglimento di un contratto, ex art. 169-bis l. fall., anche senza integrazione del contraddittorio, se il contratto contiene una clausola per la determinazione dell’indennizzo in caso di interruzione anticipata

Leggi dopo

Conversione dell’amministrazione straordinaria e scadenza del termine di esecuzione del programma

26 Giugno 2018 | di La Redazione

Tribunale di Arezzo

Conversione di procedure

In tema di conversione della procedura di amministrazione straordinaria in fallimento, l’art. 60 D.lgs n. 270/1999, al comma 2, prevede espressamente che non vi può essere modifica o sostituzione una volta scaduto il termine del programma che è stato autorizzato, ovvero allorché sia trascorso un anno dalla data di autorizzazione di esso.

Leggi dopo

Sovraindebitamento: durata del piano e poteri del giudice

22 Giugno 2018 | di La Redazione

Tribunale di Reggio Calabria

Sovraindebitamento: piano del consumatore

Nonostante la durata dei piani del consumatore o accordi previsti dalla legge non possa, in linea di massima, eccedere il termine di circa 5-7 anni dall'omologa - in forza di quanto elaborato in via giurisprudenziale in materia concordataria - e tenuto comunque conto delle peculiarità che contraddistinguono l’istituto del sovraindebitamento, resta ferma la possibilità per il giudice...

Leggi dopo

Pagine