News

La previsione della misura cautelare nell'impossibilità di dichiarare il fallimento

25 Luglio 2019 |

Tribunale di Catania

Dichiarazione di fallimento

 

L’impossibilità di dichiarare il fallimento in pendenza del ricorso per concordato preventivo, a maggior ragione se in bianco, e in attesa del suo esito rende ancor più evidente e necessaria la previsione di un eventuale intervento di natura cautelare, considerato che i creditori sono spogliati con la presentazione della domanda e l’avvio della procedura della possibilità di tutelarsi singulatim con azione esecutive o conservative.

 

Le cessioni di asset aziendali, la mancanza di trasparenza in ordine ai relativi flussi di denaro, i comprovati pagamenti preferenziali, inducono a ritenere verosimile il compimento di una complessiva operazione di volatilizzazione del patrimonio che, unitamente ad un carente flusso informativo (che non consente al tribunale di verificare e tracciare i dati acquisiti anche e soprattutto in ordine alla gestione del cash flow), induce a ritenere verosimile la sussistenza del periculum in mora in relazione alla integrità aziendale a discapito della garanzia patrimoniale dei creditori.

Leggi dopo