News

Accordo di ristrutturazione unico per crisi di gruppo

15 Maggio 2019 |

Trib. Bergamo 13 febbraio 2019

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

Se un gruppo di società versa in stato di crisi, le società del gruppo possono sottoscrivere con parte dei creditori un unico accordo di ristrutturazione dei debiti funzionale a una ristrutturazione coordinata tra le società del gruppo.

 

Per chiedere l’omologazione dell’accordo le società possono presentare un unico ricorso a cui può quindi essere allegata una relazione unica che attesta in maniera adeguata l’attuabilità dell’accordo e la sua idoneità ad assicurare il regolare pagamento dei creditori estranei.

 

Con questa decisione il tribunale di Bergamo si armonizza con la futura disciplina contenuta del codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (artt. 284 e 285 CCI) e si distacca dalla tesi che è stata finora prevalente la quale escludeva la proponibilità di un accordo unitario di gruppo.

 

Altri due sono i temi toccati del decreto del tribunale: 

 

 a. nel procedimento di omologazione le società possono produrre l’accordo sottoscritto in originale senza necessità di autenticare le sottoscrizioni delle singole adesioni. Si valorizza così la natura stragiudiziale e privatistica dell’accordo. La forma dell’atto pubblico e della scrittura privata autenticata si impone infatti nei soli casi in cui la legge la prescrive a pena di nullità;

 

 b. l’accordo può essere subordinato a condizioni sospensive senza che ciò ne impedisca l’omologazione. Si deve però prevedere uno strumento che pubblicizzi l’avveramento delle condizioni: tale strumento può consistere nel deposito di una scrittura privata che dichiari l’avveramento delle condizioni, autenticata da notaio e sottoscritta dal liquidatore della società. La scrittura deve quindi essere pubblicata nel registro delle Imprese seguendo le forme e le modalità previste per la pubblicazione dell’accordo di ristrutturazione.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >