Focus

Le nuove attribuzioni del professionista indipendente nel Codice della crisi

05 Giugno 2019 | , , Crisi d'impresa e insolvenza

Sommario

Premessa | La figura del professionista attestatore | I requisiti di indipendenza | I requisiti di professionalità ed onorabilità | Le principali novità introdotte dal d.lgs. 12 gennaio 2019, n. 14 con riguardo all'attestatore | La nuova attestazione di cui all'art. 13, terzo comma, CCII | La richiesta di archiviazione delle segnalazioni aperte prevista dall'art. 18, terzo comma, CCII | Il ruolo dell'OCRI nel procedimento di composizione assistita della crisi | L’attestazione del professionista indipendente per il rimborso a scadenza delle rate del contratto di mutuo con garanzia reale sui beni strumentali all'esercizio dell’impresa | L’attestazione del professionista indipendente relativa al compimento di operazioni contrattuali e riorganizzative del gruppo | La responsabilità civile e penale dell’attestatore |

 

Con l’adozione del nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza il Governo si è posto l’encomiabile obiettivo di riformare in modo organico la disciplina delle procedure concorsuali di cui al Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267 (la legge fallimentare), come risultante all'esito delle modifiche normative che si sono succedute negli ultimi lustri, e, ciò, anche sulla scorta delle sollecitazioni provenienti dall'Unione Europea, con due principali finalità: quella di permettere una più precoce (e, quindi, auspicabilmente efficace) emersione dello stato di difficoltà in cui versa un’impresa e quello di salvaguardare la capacità imprenditoriale di quelle realtà aziendali che, a causa di determinate situazioni contingenti, appaiono a rischio di default.

Leggi dopo