Focus

L’obbligo di preservazione dei limiti occupazionali nel concordato in continuità indiretta

14 Marzo 2019 | , Crisi d'impresa e insolvenza

Sommario

Premessa | Violazione da parte del terzo dell’obbligo di cui all'art. 84, comma 2: le conseguenze per il debitore | (segue) e per il terzo |

 

Il rafforzamento del tessuto economico mediante la preservazione della vitalità delle imprese rappresenta il criterio ispiratore della riforma della crisi di impresa. Coerentemente con i criteri direttivi compendiati nella Legge delega n. 155/2017, il Codice della Crisi ha in un certo modo sancito il declino del concordato preventivo liquidatorio a vantaggio di quello in continuità aziendale, l’unico idoneo a consentire all’azienda di reinserirsi, risanata e ristrutturata, nel mercato.

Leggi dopo